Simbiosi Vs Predazione. Evoluzione contro Involuzione.

La vera differenza tra carnivori e vegani
è che i primi per nutrirsi devono
rapinare e uccidere le loro vittime,
mentre i vegani “acquistano” il nutrimento
che proprio le piante offrono come merce di scambio
agli altri animali, noi inclusi,
pagandolo con dei servizi necessari, utili e benefici.
I vegani usano i sistemi incruenti simbiotici
di reciproca convenienza,
cioè il commercio inventato dalle piante stesse.
E cosa sono quelli che allevano animali
per convertire il loro sangue in oro?
Nessun altro animale mai esistito nella pur crudele natura,
nemmeno il più feroce dei predatori
uccide per ottenere qualcosa
di diverso dal corpo dell’animale stesso.
E far nascere animali per depredarli della vita e delle carni,
vuol dire anche oltraggiare e spezzare l’energia
che regge l’universo vivente:
L’Amore Materno.
Il delitto peggiore che si possa mai commettere.


Ennio Romano Forina

Advertisements

A un Piccolo Splendido Fiore

Non so se hai mai pensato
che tra i tanti fiori vistosi e sensuali 
di colori smaglianti e profumi inebrianti
l’umile e timida Margherita invece
somiglia così tanto al Sole a cui si volge 
dialogando con i suoi raggi 
durante tutto il giorno
e dai quali trae il suo nutrimento?

Un emisfero di vivido giallo al centro
e tutt’intorno raggi di splendente e bianca luce 
che come il sole in cielo risplendono nei prati.
Nessun bianco eguaglia il bianco 
dei petali di una Margherita 
quando non è ferita o calpestata e subisce 
gli oltraggi per essere esposta nei passaggi
ma anche allora la Margherita si rialza 
e fieramente riprende la sua forza 
dalla potente energia del suo cosmico Tutore.

Se tu fossi un fiore, anima bella,
non potresti essere che una Margherita
semplice, essenziale, nella tua candida
eterea e d’anima pura delicata veste 
che soltanto si nutre di luce solare.

Io non colgo mai i fiori,
semmai li accarezzo gentilmente 
e nel contatto fra la loro e la mia energia 
sento ancor di più quella bellezza in me 
che sarebbe spenta e morta se fossero recisi
e agonizzanti in uno stupido vaso,
li lascio essere e splendere nella loro luce,
specialmente una vulnerabile margherita 
che è la più indifesa, disprezzata e offesa, 
e a volte mi sdraio su un prato insieme a loro
per imparare anch’io dal Sole 
come le Margherite da sempre sanno fare 
a vivere, a resistere e ad amare.

Ennio Romano Forina

Quel che Resta di un Amore

Le persone meravigliose
sono quelle che nonostante i loro cuori feriti,
le loro vite spezzate, deluse e confuse,
nonostante tutto,
sanno ancora provare meraviglia.

Quelli che si lamentano soltanto, di solito sono gli egoisti, perché anche loro sono vulnerabili e quando succede che vengono battuti dagli altri rinunciando a meravigliarsi e ad amare rivelano di pensare solo a sé stessi e quindi di essere incapaci di amare. Per questo dico che le persone meravigliose sono quelle che non rinunciano mai.

LETTERA A UN’AMICA

Ma tu sei una di quelle persone che non ha mai perso la capacità di meravigliarsi e quindi di amare. L’espressione della sofferenza in sé non è assolutamente indice di egoismo. La distinzione tra chi comunica il proprio dolore conservando tutta la capacità di amare e quelli che lo fanno solo per auto – compiangersi di essere stati feriti o sconfitti non è racchiusa in una formula. Nulla può essere definito da una formula nemmeno il Cosmo. Perciò la mia asserzione include altri elementi che rivelano e distinguono le anime egoiste da quelle amanti. Quindi sta tranquilla che non ho detto che esprimere mostrare al mondo la sofferenza sia egoismo anzi, è coraggio e sincerità.E le persone che hanno il coraggio e la sincerità sono anche quelle che sanno amare di più, cioè non sono egoiste. Si deve riconoscere l’egoismo sotto l’ipocrisia della sofferenza manifesta e questo ti assicuro non è il tuo caso. Infatti quello che sostengo è di guardare sempre in profondità tutto ciò che appare e avviene mentre al contrario molti si fermano solo alla superficie delle cose. Per concludere la mia distinzione è sostanziale non formale. Le lacrime sembrano uguali ma non sono tutte fatte dello stesso umore. Penso di dover pubblicare questa nota nel caso anche altre persone abbiano avuto le tue stesse perplessità che spero di aver chiarito.
Ennio Romano Forina

Versi Vaganti nel Cosmo e sulla Luna

Invidio il vento che scuote i tuoi capelli,
 
che non posso attraversare con le mani 


Invidio i raggi del sole che al mattino,
 
svegliandoti baciano il tuo volto.


Invidio la tazza di caffè che schiude le tue labbra


e il gatto che stringi sul tuo petto.

Vorrei essere il tepore del tuo morbido letto

in cui pigramente indugi il tuo riposo.

Il sussurro che tutte le tue paure fa sparire

La ragione che ogni tuo sorriso accende.

La strada, dove i tuoi passi scorrono veloci.
 

L’orizzonte, dove il tuo sguardo si smarrisce.

Le onde in cui t’immergi e avvolgono il tuo corpo.
 

La manciata di stelle che contempli estasiata

Le grandi ali per levarti libera in volo.
 

Il rifugio, che ti nasconde e rassicura.

La Luna vanitosa che nel respiro del mare
 

si specchia e solleva le onde del tuo seno.

Essere il desiderio che freme nel tuo cuore

per cadere nel tuo profondo abisso
 

in un viaggio senza confini e senza tempo.

In me sei sempre la realtà di un sogno
 

non il miraggio d’una semplice illusione.

L’unica vera essenza di un incanto senza fine

per tutto quel che sei nel cuore e nella mente
 

per la tua molte volte ferita e offesa
 

ma non vinta e indomita anima bella.

Sei presente e vera in tutti i miei momenti

 la tua dolce e calda voce nella mente

nella scia degli invisibili vortici 

che seguono del corpo le armoniche movenze
  
nel vento e l’aria stessa che attraversi,

sei sempre l’ineffabile musa ispiratrice.

Sono questi ancora i miei pensieri amanti e veri

come sinceri sono il sole, il vento e il mare,

che dall’anima continuano a fluire 

come un impetuoso e limpido fiume

che dalla sua sorgente scorre sicuro
 

solo per riversarsi nel tuo Mare.

Ennio Romano Forina

Il Mio Lato Oscuro

Il mio lato oscuro è che non mi interessa 

di quanto male e soprusi possa aver subito nella vita.

Quello che davvero conta e sempre conterà 

è di aver evitato il male che “io” potrei fare ad altri 

anche involontariamente, se avessi soltanto voluto 

odiare e rammaricarmi o se avessi scelto l’indifferenza, 

la superficialità e l’egoismo,

o se mi fossi fermato a compiangere me stesso 

per  la crudeltà, la falsità, la prepotenza

e la furbizia di molti altri,

che hanno sprecato l’anima per un posto nel sole, 

dei tanti che hanno incrociato il mio destino;

prevaricatori, sudditi di poteri e di fazioni

avidi e servili, ipocriti altruisti e colmi di invidia,

predatori ingordi di spazi vitali e spirituali.

e se tutta la crudeltà umana verso gli altri esseri viventi

mi avesse sconfitto per aver aperto in me

la ferita letale che non potrà mai essere sanata. 

Questa è la mia filosofia oscura:

ciò che gli altri han fatto o fanno nell’odio o nel disprezzo 

anche volutamente contro me non mi tocca affatto, 

sono io che alla fine devo esser certo 

di non essere mai la causa della sofferenza altrui

ma piuttosto la coscienza  di un contatto d’anime benefico

Ho visto e vedo ancora il predominio del Male,

dal passato al futuro imporsi sempre su tutto, 

e il continuo dilagare delle crudeltà più perverse.

Ma ho incontrato anche Angeli, li ho riconosciuti, 

sebbene molto pochi ma veri, come vere sono le stelle

e come le stelle mi hanno dato la certezza 

che il Male e chi lo sceglie come via maestra,

per quanto dominante e orrendo nei suoi molti aspetti

è finito in sé stesso e non può che essere il Nulla 

come soltanto l’energia cosmica dell’Amore  

genera Vita e certezza dell’Essere.

Ennio Romano Forina

Come chi ha le Radici in Terra e la Chioma in Cielo

La realtà che conosciamo è limitata in una dimensione orizzontale spessa pochi metri, non conta salire su un grattacielo o viaggiare in aereo il nostro orizzonte è piatto e confuso. Raramente volgiamo lo sguardo sotto o sopra di noi per conoscere e sentire quello che gli alberi e tutta la vita vegetale sente da miliardi di anni. Dovremmo fare come loro poiché hanno le radici saldamente nella terra e la chioma proiettata in cielo e nel Cosmo.
Noi siamo di fronte all’evidenza di tutto quello che gli alberi e le piante possono sempre insegnarci e che hanno capito molto tempo prima che noi imparassimo a usare la loro conoscenza attribuendocene il merito.
Ennio Romano Forina