Tutti Coloro Che….

Advertisements

Non è vero che il timore della certezza della morte sia 

un impedimento ai pensieri e alle azioni malvagie.

Al contrario, la natura umana 

considera la morte una ingiusta punizione,

e per compensare la frustrazione che ne deriva  

ha creato falsità mitiche per attribuirne da sempre 

 la colpa alle donne, che hanno il potere di generare la vita, 

ma non hanno la capacità di mantenerla in essere,

e come rivalsa all’angoscia di questo ineluttabile evento

 che considera un torto, l’umanità segue i comportamenti peggiori 

nel tentativo di ricavare dal tempo di esistenza stabilito. 

il massimo del premio che pensa di meritare in ricchezze e possesso.

Ennio Romano Forina

Il Potere della Paura

Le religioni hanno fondato il loro potere di controllo sui popoli sfruttando da sempre l’innata paura della morte, considerata come un giudizio dal quale può derivare una punizione, oppure un premio.
In base a questa formula, ogni religione ha stabilito i propri parametri di comportamenti che possono determinare l’uno o l’altro dei verdetti.
Ma se un individuo si comporta, nel bene e nel male, in ragione di ricevere un compenso o di evitare una punizione, la sua azione non può avere valore né avere nulla di etico, è solo un riflesso condizionato primitivo che non eleva l’anima, poiché non riguarda la “sostanza” dell’azione ma solo le sue conseguenze e la forma dell’anima stessa.
Quindi, le religioni, promuovendo e imponendo una falsa etica di comportamenti per ottenere il controllo delle persone, hanno finito con l’inibire individui e popoli dalla ricerca di una “vera etica”, valida in se stessa e scevra dal detestabile miraggio di un premio o dalla surreale prescrizione di una pena.

Ennio Romano Forina