Meditando l’Amore in una Notte d’Estate

MEDITANDO L’AMORE D’ESTATE

Perché scrivo spesso versi d’Amore?


Perché l’Amore è la ragione di tutto ciò che esiste, 


non vi è azione che non sia da un impulso d’amore generata, 


ed ogni essere vivente è inesorabilmente immerso 


nel fluire di questa energia universale,


che al tempo stesso lega e libera le anime 


nell’infinito divenire di gesti creativi,


tanti quante nel firmamento sono le creative stelle.


Ma non è da tutti saper amare,


vuol dire conoscere un’altra anima


che schiude le sue ali per alzarsi in volo


ed avere ali altrettanto forti da poter affiancarsi a lei


nel temerario viaggio dell’amore, 


il più difficile e aspro viaggio che vi sia.



Vuol dire avere nostalgia della sua essenza,


attraversare i confini del suo vibrante impero,


ma non si può conoscere un’anima di sentimenti piena 


avendo un’anima misera e senza nutrimento.

Nelle unioni di ogni tempo, antiche e nuove,


si offrivano doni e beni a garanzia


della sussistenza di una famiglia, 


lo fanno tutti gli esseri viventi,


ma gli animali nella loro cristallina essenza, 


donano vite e anime insieme

alla compagna 
senza esitazione,

non così fanno gli umani,


che si presentano impreparati all’appuntamento dell’amore


pensando di aver trovato nella persona amata

tutta 
la ricchezza e di poter finalmente bere

impunemente alla fonte stessa dell’amore,


per colmare ciò che a loro manca.

Ma non potranno mai dissetarsi dell’anima altrui, 


non potranno mai rapirne l’energia vitale


perché le due anime per poter amarsi


devono già essere piene di diverse forme 


della stessa sostanza d’amore,


sì da poter di una stessa energia vibrare 


ed essere infine a quella eternamente avvinte.



E questo vale per ogni forma vivente


che proprio di questo Amore vive e si nutre


o non sarebbe viva e vera.


Allora, se si è dotati di energia d’amore,


si può iniziare il viaggio
 della conoscenza vera

di un’anima libera,
 volando insieme a lei 


come fanno gli uccelli nelle migrazioni,


sapere quando assecondare la sua indole


sapere quando è necessario tenerla stretta,


ma non per trattenerla,


solo per impedire che si faccia male a volte,


volando troppo in alto.



Serve coprirla di tenerezze e di sorprese,


serve essere sempre presenti


e quando occorre, allontanarsi da lei.


Come una pianta, ella ti dice quando ha sete,


allora dissetarla nel modo giusto quanto lei vuole,


capire quando serve calore e sicurezza,


serve proteggerla, aver cura di lei, farle dimenticare le ferite,


serve toccarla con mani d’artista, di poeta e mani d’eroe,


serve sfiorarla con i versi del cuore e della mente,

serve rassicurarla con parole giuste e forti,

serve prenderla per mano se è smarrita,


e condurla nella tua certa direzione,

ma serve lasciare che sia forte per sé stessa.

Di un impetuoso amante serve il fuoco e la passione

e le serve il fascino dell’intelletto che va oltre,


serve farla ridere, stuzzicare, provocare, giocare,

eccitare, incuriosire, lasciarla nascondersi nell’ombra

o splendere nella luce del suo sole quando vuole.

Guardare il rosso dei tramonti con i suoi occhi e non i tuoi,


accettare i suoi momenti oscuri come si accetta il calar del sole,


il buio della notte e la tempesta e il desiderio di stare sola,


e in te per una rinata vita voler crederti una stella, 


un faro da seguire, un rifugio e una dimora per riposare.



Ma se non sei pronto per affrontare tutto questo,


se pensi che il suo sorriso, i cuori e i “ti amo” che ti ha detto


e da te fidandosi, continuamente vuol sentire,


e se pensi che il suo amore

sia un compenso per le tue ambizioni,


sbagli, lei non è una tua conquista,

né lo sarà mai, 


lei vuole un cuore vero e sicuro

e forti mani ma dal delicato tocco,


che la tengano stretta senza farla prigioniera,

per l’inizio di un viaggio aspro e senza fine


che metterà alla prova ciò che credi di sentire.

Come una madre vera, più di sé stessa ama la sua prole


per poi lasciarla andare nel tempo del suo volo,


così un uomo deve amare colei


che come compagno lo ha pensato e scelto, 


più di sé stesso dunque, amarla

e per far questo 
tu non puoi,

non devi dipendere da lei,


ma esser vero e crescere da solo,


essere ricco di sensi generosi e dedizione.


Lei sarà mutevole, anche più del vento,

sarà nervosa a volte,
 elettrica e scostante,

ci sarà la pioggia e il temporale,

ti stupirà la sua incoerenza,

ti immergerà nei suoi nebbiosi oblii,

ti smarrirà nei suoi labirinti della mente

per poi svegliarsi d’improvviso da un torpore,

a chiederti perché non sei in quell’istante,

accanto a lei avvinto in un potente abbraccio.


Ti chiederà la luna un giorno,

solo per metterti alla prova,


incomprensioni e lacrime improvvise,

per la paura e l’indolenza di un amore stanco,


vorrà la prova della convinzione e del coraggio

che del Sole accende il fuoco e i luminosi raggi.

Ma se non hai questo in te e se hai paura,


non sei degno dell’impegno che ti attende, 


se sei uno che si offende non puoi stare con lei, 


perché lei ti offenderà sempre, è la sua natura


e ti perderai nei vortici delle sue emozioni,


e nei suoi improvvisi turbamenti

perché lei abuserà della tua comprensione,


spesso ti metterà a dura prova,

sfidando la tua volontà fino all’estremo,


solo per sapere se il tuo amore è vero

e quando infine sarà certa del tuo amore,


vorrà andar via veloce e lontano da te,


perché una donna vera


non vuol mai perdersi nella nebbia è vero, 


ma ama il mistero.


Ella ha paura di ogni incertezza,

ma al tempo stesso 


teme di essere certa

e di restare 
nella certezza prigioniera.

Ennio Romano Forina

Potrebbe essere un contenuto artistico raffigurante 1 persona

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s