Until Death…Until Life… Fino a che la Morte…Fino a che la Vita…

Wild.jpgSmile.jpg

 

March, 11 – 12.00 AM.  your plane took off in perfect time, like usual, but it wasn’t going to cross the ocean, Philadelphia wasn’t the destination and your ticket was a – one way ticket –
11 Marzo…il tuo aereo è partito in perfetto orario, come sempre, ma non doveva attraversare l’oceano, Philadelphia non era la destinazione e il tuo biglietto era di sola andata.

Remember how we used to speak to each other? Mixing english and italian altogether, in just one phrase or I would talk to you in english and you’d answer in italian and viceversa, a mess, we were never matching, but it was so good to talk to each other…
Ricordi come ci parlavamo di solito? Mischiavamo inglese e italiano insieme, anche in una piccola frase, oppure io ti parlavo in inglese e tu mi rispondevi in italiano e viceversa, che confusione, non eravamo mai coordinati, ma era così bello parlarsi…

What can I do, my love…how can I be without you, for how long, I wish you could tell me in clear words other than feelings…you said to me, crying… “ then I won’t see you anymore!” and I replied almost yelling “ no! you are not leaving and in any case we’ll always be together no matter what may happen, to you, to me, whenever, wherever! This is what I said to you but in my mind there were other unspoken words which you knew well the same “ … for we ‘ve touched our souls so deeply that they got fused together!”
Che cosa posso fare, amore mio…come posso stare senza te, per quanto tempo, vorrei che potessi dirmelo, con parole chiare oltre che sentimenti…tu mi hai detto, piangendo “poi non potrò vederti più!” e io quasi gridando ti ho risposto, “ no! tu non stai andando via e comunque noi saremo sempre insieme qualunque cosa accada, a te, a me, in qualsiasi momento, in qualsiasi posto!” Questo è quello che ho detto ma nella mia mente vi erano altre parole inespresse che tu conoscevi bene lo stesso…“perché le nostre anime si sono toccate così profondamente da fondersi insieme!”

I’ll live still, I can’t do anything else, nothing unjust, I’ll do my tasks as if you were here, as if you ARE here with me, but I really hope and believe that this time you’ll be at the gate waiting for me when my plane will land, like I used to wait for you, and we’ll get a warm cappuccino at the heaven’s bar in the airport, first time in the morning, before going home…and you’ll make fun of me ‘cause I’ve said this in my writing, like in my tale of the “Water”… You only know what I’m talking about…
Vivrò ancora e non posso fare altro, niente che possa essere ingiusto, farò i miei compiti come se tu fossi qui, come se tu SEI qui con me, ma spero e credo davvero che questa volta sarai tu ad aspettarmi al gate, quando il mio aereo sarà atterrato al mattino ,come io ti aspettavo, e prenderemo un cappuccino caldo al “bar del cielo” nell’aeroporto, per prima cosa prima di tornare a casa… e tu mi prenderai in giro perché ho detto questa cosa scrivendo, come nel mio racconto “Acqua”…Tu sola sai di cosa sto parlando…

Yes, before I was the one who waited for you almost always, my love, now it’s your turn to wait, in your different time, but I can’t rush, you know it’s not up to me to decide, it wouldn’t be right and we’ll always wanted to be right and do the right things … “I love you”, were the first two simple words that I translated for you, and you didn’t even know how to say them … and I want to say them out loud again as you may hear them and I’m sure you can hear them… I love you, ti amo…I  love you, ti amo… I love you forever Margaret… until a new life will bring us back together… You are inside me and you’ll always be, my endless love. And I’ll say that again, if I hadn’t meet you then by chance, I would have looked for you all over the Universe, and like I promised you when you where living, I’ll find you again dear, wherever you are in the Universe…
Sì, prima ero io che aspettavo te quasi sempre, amore mio, adesso sei tu che mi devi aspettare, nel tuo diverso tempo, ma non posso affrettarmi, tu sai che non sta a me decidere, non sarebbe giusto e noi volevamo sempre essere nel giusto e fare le cose giuste…“Ti amo”, erano le due prime semplici parole che ho tradotto per te e tu non sapevi nemmeno come dirle… E le voglio dire ancora a voce alta come se potessi udirle, sono sicuro che puoi sentirle … I love you, ti amo… I love you, ti amo… ti amo Margaret… fino a che una nuova vita ci riunisca … Tu sei dentro di me e lo sarai sempre, mio amore senza fine.  E lo ripeto ancora, se non ti avessi conosciuta allora per caso, ti avrei cercata ovunque nell’Universo e come ti ho promesso quando partivi, io ti ritroverò cara, dovunque tu sia, nell’Universo…

your ennio

dia (6) copy.jpg

I’ve put these pictures of you when you were younger… but there’s no difference for me from then and now, you’ve have always been beautiful inside and out for in your beauty, in your uniquely sweet smile, there always was the eternity of the Universe’s harmony.
Ho messo queste foto quando eri più giovane… ma non c’è differenza per me da allora e adesso, tu sei sempre stata meravigliosa dentro e fuori perché nella tua bellezza, nel tuo sorriso straordinariamente dolce, c’era l’eternità dell’armonia dell’Universo.

 

Come il Vento

“Il vento non ha virgole scorre fluido e parla senza pause in un gesto continuo fino a placarsi o a diventare tempesta…come la Vita.”

 

Come il vento

scorrendo e accarezzando

le foglie degli alberi

le trasforma in flauti vibranti

anche il gesto di un corpo rivela

l’armonia che ha generato l’impulso

anche i movimenti sono parole sincere

inascoltati pensieri

trascurate espressioni di sentimenti

che parlano come i sussurri e le grida

e dialogano come il vento anch’essi

sono frasi espresse di un linguaggio

che tutta il mondo vivente

conosce e sa decifrare

come le parole nascono gesti ostili 

ed altri amichevoli

gesti prepotenti ed altri generosi

gesti che feriscono ed altri che carezzano

gesti che rivelano ciò che si è

l’essenza di se stessi oppure il nulla

sono rivolti non a qualcuno

ma ai tutti sconosciuti

e vogliono dire a voce alta

io vivo per amare comunque

per questo dono ricevuto

che mi ha fatto esistere

nonostante il dolore 

che devo sentire

la solitudine vera

il deserto di veri affetti

il rammarico dell’impotenza

le sconfitte senza battaglie

nonostante tutto

sono qui per amare

ed è questo che importa

come il vento gentile

che continua a scorrere

attraverso le foglie 

per farle fremere di musica dolce

non per strapparle

e dalle chiome degli alberi accarezzate

la musica può diffondersi

e riempire le anime e tornare 

al buon vento che l’ha generata

poiché la Vita ama solo chi ama chi ama la Vita.

 

ennio forina 

In the Depth of your Eyes

EYES0.jpg

We live in the matter that can be touched 

and we think that we have a soul that can only be felt,

so we separate the matter from the soul

and wind up believing that they are two different things.

But all the Universe is pervaded

of the same life’s and love’s energy

of which everything has become, only more rarefied

in our perception and diffused all over.

When what we call matter concentrates in one point

there a sun becomes and where a sun is formed,

 planets may happen made by the same stardust.

There may happen the kind of life we call life.

But it’s the Cosmos itself that’s alive

and each planet could be a sun

if it weren’t too little to burn in a nuclear fire.

And so this is what you were and are my love,

a drop of love in the immense love of the universe,

that I can still see in the depth of your eyes

like I see in the night sky through my windows,

the stardust that made you exist and still be.

ennio forina

The Dock Of The Time

So far, so close

Then far away again

In the endless game of the waves

Kissing the shoreline and recede

Touches of laughing foam

With the winds and sun.


So free, so forced

So movable, so still

So warm, so aloof

So fickle, so steady

Unreachable though prisoner

In my field of attraction.

So different though the same

Like the restless sea water

That I watched rolling up

A fluctuating dress

When I was lingering

on the Dock of the Time.

ennio forina