Un Albero ucciso è morto! Che sorpresa!

Tree hearthIncredibile!
Un essere vivente, un abete, muore anzitempo, e ci si preoccupa sopratutto della brutta figura, della sua apparenza mentre dai loculi pubblici dei “social”, spuntano come funghi tutte gli zombi insensibili, senza compassione né anima, facendo a gara per ricoprire con lazzi e sarcasmi disgustosi e impietosi un essere vivente. Fingendo di scandalizzarsi, anche o solo per lo spreco di denaro impiegato per avere e per trasportare un cadavere “in fieri” e peggio ancora, ci si preoccupa che la sua agonia non sia durata abbastanza a lungo per far gioire il popolo vorace di “feste”.
Questo è il progresso etico, la consapevolezza del valore della vita esistente? Ripianteranno 10, 100, 10.000 alberi? E che differenza fa? Dove sono i princìpi dei cambiamenti, i segni di evoluzione della mente e dei comportamenti? Quest’albero era stato ucciso comunque, folla stolta che irridi la morte altrui, –
– Chi non sa sentire la morte degli altri, non è affatto vivo! – Era sacrificato per niente in ogni caso, anche se fosse riuscito a dare una illusione di vitalità mentre si decomponeva lentamente. Dobbiamo invidiare tutti gli altri cadaveri decorati sparsi nelle piazze e nelle case del mondo? Questa per me non è festa, ma una dolorosa constatazione che niente è cambiato e niente cambierà finché la mente umana resterà sempre ottusa a raccontarsi le stesse vere storie di orrore travestite da false favole. 
Possibile che questo stupido mondo umano, non sappia che la gioia e la morte non possono coesistere?
Alberi di Natale e bestie da macello; è come dire la stessa cosa, il fatto è che non esistono bestie e alberi da macello. Esistono animali e alberi, da noi bestialmente macellati.
ennio forina
Advertisements

5 thoughts on “Un Albero ucciso è morto! Che sorpresa!

  1. Sono d’accordo con te. Ho sempre amato molto la natura e ricordo un albero per ogni periodo della mia vita: il limone della scuola elementare, il nocciolo nel giardino della casa in cui sono cresciuto etc. Quando vedo tagliare un albero soffro come se stessero uccidendo un amico… spero che, con il tempo, gli esseri umani si accorgano che siamo un tutt’uno con ciò che ci circonda e che è vita, esattamente come noi.

    1. Lo diceva anche Empedocle 2500 anni fa, ma nella pratica e nel pensiero, in tutto questo tempo, non è cambiato nulla nella coscienza collettiva. Grazie per l’apprezzamento.

  2. sottoscrivo tutto, siamo quelli che amano gli animali e poi se ne disfano abbandonandoli perchè ingombranti o inopportuni, siamo quelli dal “pollice verde” che poi gareggiano per avere l’albero più grande e più alto da addobbare a natale, siamo quelli che criticano il degrado delle città in cui trascorrono le vacanze e non si preoccupano di conservare pulite quelle in cui risiedono, quelli che hanno simpatie per le filosofie orientali e i giardini zen e poi sono arroganti e maleducati come scaricatori di porto…gran bella razza quella umana!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s