T.i A.m.o

Quanto vale un “Ti Amo”?

Due sole semplici parole,

sincere, false?

Dette, scritte, sussurrate, gridate.

Quante volte hai sentito

il suono di queste due parole

e hai creduto che fossero vere?

E se qualcuno te lo giura

stanne certa, non è vero

perché il Ti Amo vero

non è come una promessa

e meno ancora un giuramento,

ma una certezza, qualcosa che succede

come un evento inaspettato

che non si può evitare;

una valanga, una tempesta,

l’eruzione di un vulcano,

o sono solo due parole a caso.

Certo, quello che conta è la sostanza,

le parole son nulla senza i gesti,

che alle parole danno la forza e la ragione,

dedizione, premure e gentilezze,

carezze e abbracci, sì ma non basta,

serve un amore che resiste

ad ogni cosa senza chieder nulla

e sa restare intatto e crescere persino

nonostante tutto,

come un rivo d’acqua che precipita dai monti,

non disperde la sua forza e mentre scorre a valle

è un impetuoso fiume.

Dicevi di non poter dirmi

quello che sentivi di dirmi.

Ma se lo sentivi

vuol dire che lo sapevi e lo pensavi

quelle due parole erano in te comunque,

nascoste, soffocate per ingannar te stessa,

e per tenere a bada la mia convinzione,

ma non perse, sempre vive

sotto le coltri della tua coscienza

e sai che non potevano sparire,

quindi che importa?

 

Pensarlo è come dirlo,

se lo pensi lo hai già detto

a tutto l’Universo.

E anche senza un Ti amo

era amore se mi chiamavi amore

e da me volevi così tanto essere amata.

 

Ti Amo! Per sé vuol dire tutto

e non vuol dire niente.

Si può gridare e si può tacere

ma non è ciò che conta,

se non conosci la sorgente

da cui il – Ti Amo – è scaturito.

Ti Amo se anche tu mi ami è niente.

Ti Amo comunque, perché esisti

quello è tutto.

Ti Amo quando sei bella

e quando non lo sei,

quando sei tenera e desideri i miei baci

e quando sei stanca o ti arrabbi

così per un nonnulla

e se sei impossibile.

Quando sei un’avvincente sfida,

quando sei l’incanto di una fata

e anche quando sei una strega.

Ti Amo se ci sei e se mi vuoi

e Ti Amo quando ti allontani

e se mi odi e mi disprezzi

anche allora Ti Amo.

 

Nel volerti liberare da un legame

che non ti aveva mai legata

ma per darti il calore dell’amore

ed era solo per tenerti stretta.

Era come il filo di Arianna,

se ti fossi persa,

serviva a guidarti nei turbini del cuore

e nei tuoi labirinti della mente.

 

 Ti Amo nelle tue tempeste

e nelle tue calme e pensierose ore

e perché mi lasci nel silenzio

e nella tua confusione.

Ti Amo in una nuvola di nebbia.

Nelle tue contraddizioni,

quando rigiri la frittata

e neghi i sentimenti e le parole dette

ma non accetteresti mai

nemmeno adesso che negassi le mie.

Ti Amo quando sei orgogliosa

e fiera e piena di coraggio,

e Ti Amo ancora più quando hai paura

e nell’anima che trema trovi rifugio

nel mio sicuro abbraccio.

Ti Amo quando vuoi

e poi dici di non volere più,

quando sei sicura e quando non decidi,

Non importa, Ti Amo lo stesso,

anche da lontano,

mi basta pensare che sei vera,

perché non ti ho solo incontrata,

eravamo in una collisione, frammenti

di una stessa stella, una cometa esplosa

che si sono trovati all’incrocio esatto

dello spazio e del tempo

di una diversa dimensione.

Potresti essere su un altro pianeta

o una galassia persino e ti amerei lo stesso.

 

Ti Amo nella tua libertà

anche se ti porta via lontano,

nelle tue fughe repentine

e nelle tue trasformazioni,

nei tuoi giorni e mesi e ore

in ogni singolo momento.

E se anche ora non vuoi più esser vicina,

sai che prima o poi in qualche notte oscura,

nel freddo ostile che spegne dell’anima il calore,

nei temporali di pioggia scrosciante,

o nel vento contrario degli affanni,

nella rabbia dell’incomprensione,

penserai al mio amore che resiste

e ovunque sei attende un tuo richiamo

per venirti in aiuto quando serve

per sollevarti da ogni pena

e darti protezione.

E questo amore così tenace e vero,

ti avvolgerà in un vortice di sensi

che ora neghi nelle tue paure

portandoti al sicuro su quell’Isola

dove due anime naufraghe

erano approdate spinte dai forti venti

e dalle correnti travolgenti

di un incredibile, improvviso amore.

 

Non ti accorgerai nemmeno

nell’anima e nel cuore,

quando lontana dall’isola,

forse vorrai voltarti indietro

al pensiero di quegli attimi sfuggiti

di una realtà possibile respinta,

se dopo l’ebbrezza e il fuoco

di un entusiasmo ed un nuovo incanto,

aprendo il vaso scelto di un’altra vita

che doveva contenere

il perfetto e nuovo tuo destino,

quando non sarai la stessa,

né sarai guardata come prima,

potresti forse accorgerti che in quel vaso

c’era poco o nulla,

solo un mucchio di sabbia

che si raccoglie nelle mani

e scorre fra le dita

e non si tiene che per pochi istanti,

senza lasciar null’altro che briciole di luce.

Solo un amore vuoto e falso.

Allora forse penserai

ai momenti persi ed ai ricordi

di questo inverosimile amore come lo chiamavi

che era vero,  anche se non vissuto,

ma tanto potente da immergere

un’anima nell’altra,

molto più che un semplice contatto

una fusione,

così che staccando le le due anime

una di esse porta via con sé

una parte dell’altra

inesorabilmente.

E quello che sarebbe stato stare insieme

per meno tempo qui ed ora certo,

ma sull’Isola per sempre.

Ora non ti sembra possibile

ma di notte forse quando sarai sola

– perché viene sempre il momento

in cui la solitudine

è la nostra unica compagna migliore –

sentirai vibrare le ali di questo mio Ti Amo

coprire le tue fredde spalle,

e accarezzarti il viso,

sfiorare le tue labbra dolcemente

e cingerti nel tenero tepore di un abbraccio.

Perché l’amore vero

viaggia nel flusso universale della vita

e ti raggiunge ovunque sei.

 

Ti Amo nella tua libertà

ed anche nella mia.

Come vedi non ti inseguo,

non ti cerco ad ogni costo.

Non avrebbe alcun valore

se la Luna non volesse ardentemente

lei stessa danzare con me e con le stelle

e fare un nuovo incanto sul mio cuore.

Ma non ti ho chiesto nulla che non volessi darmi,

ti ho solo trovata ed eri e sei dentro me

e questo basta.

In te vedevo un orizzonte infinito

tu in me un abisso, in cui avevi solo

paura di cadere.

 

Tutto è un divenire dicevi,

quel che sei ora non è la stessa

che eri prima quando così tanto mi chiedevi

di sentire sempre i miei Ti amo.

 

Cambiar te stessa è sempre stato un tuo diritto,

sei sempre stata libera

di cambiare te stessa e direzione,

ma non di cambiar la storia,

né quel che è stato,  per la tua magia oltre alla mia.

Questo non è un tuo diritto

ed è il mio di ricordarla in tutta la sua essenza.

 

Forse non stringerò mai le tue mani

e non berrò mai i tuoi baci,

le mie dita non si smarriranno

nella rossa foresta dei tuoi capelli sciolti,

non stringerò il tuo petto al mio,

avrai qualcun altro insieme a te

per la nuova vita a cui aspiravi,

ma anche dimenticandoti

io ti amerò lo stesso,

e anche se rompendo il tuo stesso incantesimo,

potrai vantarti di aver piantato

i tuoi vessilli d’indaco

nei campi di battaglia che contro me

hai combattuto e vinto

non potrai mai negare

che questo mio amore è rimasto intatto

e da te non può essere sconfitto

e questa, amore mio immenso

è la vittoria alla fine della mia magia

che ha il colore e l’energia del sole

ed è molto più potente della tua.

 

Ogni donna, mi dicono tutte,

vorrebbe essere amata da così tanto amore

e proprio tu che da me lo hai sempre avuto

e lo chiedevi fortemente

quando dicevi che io ero il tuo pensiero felice

ora lo neghi e lo respingi.

 

Un giorno aprirai lo scrigno

dei miei tredici  magici colori,

come quelli di un perduto arcobaleno

per andare dove si cela il vaso d’oro,

ma non puoi sapere se sarà davvero oro

quel che nel vaso brilla alla sua fine.

 

 

 

Eravamo in un vortice d’amore avvinti

e lo sai bene, quando ti ho incontrata.

Uniti da un solo desiderio

in quelle ore eravamo inesorabilmente

in te e in me sommersi.

Era il tuo vento che spirava da ponente

e impetuoso ci legava in un solo abbraccio,

le nostre mani strette da far male,

tu eri fluida e scintillante

come un’onda marina ebbra di Luna,

troppo forte e intenso è stato

quel tocco d’anime e di cuori,

non lo puoi negare,

puoi mentire a te stessa adesso,

ma non a quello che sentivi allora,

è stato vero e quel che è vero resta.

 

Tu sei dell’acqua un segno,

legata al mistico splendore della Luna.

Io nell’anima ho il sole e il fuoco dei suoi raggi

e tu sai che da sempre Sole e Luna

sono uniti da un legame di luce e d’attrazione

 Lui lascia la Luna libera di vagare tutt’intorno,

ma non si dimentica mai di Lei e non l’abbandona.

Ennio Romano Forina / Gennaio, 2020

11 thoughts on “T.i A.m.o

  1. ps: con questo non voglio assolutamente dire che tutti sui social mentano, Credo però che ci sia un numero ridotto di anime vere che sperano in un amore sincero. Tutto può accadere ovunque, la fregatura può esserci nel reale e nel virtuale. Ci vuole anche un briciolo di fortuna nell’incrociare l persona giusta

    1. I social sono il riflesso della società reale con la possibilità di esporsi maggiormente. Nessuno oserebbe chiedere una amicizia a qualcuno se non in particolari favorevoli condizioni, i social in questo aiutano inizialmente a uscire fuori dalle gabbie in cui ci siamo rinchiusi per difesa individuale specialmente nelle grandi aggregazioni umane dove poi si sono formate tante micro-realtà tribali incestuose in senso culturale che non consentono la conoscenza se non attraverso procedure e intermediari, quindi i social servono e in essi davvero trovi tutto, bisogna saper distinguere ed essere selettivi e bisogna vedere “cosa” si cerca, però è un fatto : tutti cercano qualcosa anche un riscatto dai torti subiti o dai loro sbagli. Io sono entrato in fb perché la redazione del giornale che pubblicava i miei articoli si era spostata nel virtuale dieci anni fa, ed ero riluttante ma poi ho capito che per me è stata una fortuna poiché da lupo solitario quale io sono avulso da tutto ciò che è fazioso, dai clientelismi della politica da sempre, non avevo prima molte possibilità di far conoscere i miei pensieri e adesso ho acquisito un certo seguito valido, anche perché io pubblico esclusivamente la mia produzione letteraria e artistica , non cito mai nessuno e non mi riferisco mai a nessun altra opera o pensiero così chi si interessa a me lo fa non per il mio ambito intellettuale, ma per il pensiero che esprimo e questo è importante. Praticamente tutti anche quei pochi che scrivono spesso si riferiscono ad altri autori.

      1. è un ambiente variegato, dove ci si può nascondere anche dietro maschere di vario tipo. È indubbiamente uno strumento che se usato nel modo giusto offre possibilità altrimenti difficili da concretizzare.

      2. Impossibili io per il mio spirito indipendente ho trovato solo blindature e avendo lavorato nell’ambito editoriale e pubblicitario per decenni ho conosciuto e collaborato in molti settori dell’editoria e della pubblicità ma i posti migliori e più remunerativi erano assegnati per favoritismi non per meriti. Settore editoriale, giornalismo e politica sono la nuova aristocrazia di questi tempi…ora provvedo alle virgole e a qualche revisione poi mi darò da fare sul romanzo che ha subito una interruzione l’ultimo anno per quello che il poema dice. Un nuovo gruppo nazionale di animalisti mi avrebbe nominato portavoce, è ungrosso impegno. ho scritto per l’occasione il poema vegano, non so se l’hai visto

  2. è un fiume in poesia l’amore che resta fermo e saldo nel tuo cuore, sicuro di conservare la sua interezza nonostante i ripenamenti (?) della persona amata. Pochi possiedono la serenità nel dubbio o nella separazione; è più umano e normale provare una rabbia, spesso ingiutificata, verso la sorte. Dici “quel che è vero resta” e vale senza dubbio se non c’è un distacco umano voluto da una o ambo le parti. Un morte può spezzare la carnalità di un amore ma l’essenza rimarrà per sempre intatta. Diversamente l’amore col tempo cambia, se viene a mancare per umana volontà ciò che resta attraversa fasi diverse, dipendentemente dalle modalità e dal carattere di ognuno.Ma sono certa (per esperienza) che anche un grande amore può essere sminuito col tempo, addirittura può essere visto con la saggezza di un poi, non così autentico come sembrava. Ora non so se son uscita dai binari della tua poesia, ma questa è la riflessione nata dalla lettura.

    1. C’è tutto quello che dici in questa poesia e oltre la poesia c’è il romanzo che la comprende e amplia i contenuti di questa esperienza che avrebbe potuto essere una normale storia d’amore mutevole per una donna e una madre tormentata e confusa che non si è ancora liberata dagli effetti devastanti dei percorsi sbagliati intrapresi e per essere vissuta in un deserto di affetti come bimba e come donna e aver fatto scelte sbagliate con le persone sbagliate come tante altre donne del resto. Nei social c’è un universo di donne dai 40 in su che hanno già le loro vite spezzate i due, prima e dopo le scelte di unione fatte, con o senza figli e che vagano alla ricerca di sentimenti veri anche se a parole e con gli atteggiamenti mostrano tutta la loro rabbia e le unghie. Ho studiato questo per i miei saggi antropologici e sociologici e ho notato appunto che le più giovani sotto i 40 anni ancora si sentono tutelate in una relazione -ma non tutte – . molte sono già traballanti e non sanno che anche loro in molti casi si troveranno a un bivio , o a dover passare le forche caudine dell’incomprensione con i loro partner. Mia cara Daniela, lei si chiama come te, come diceva Amleto c’è qualcosa di marcio in Danimarca, la società umana.
      Devo rivedere questo poema ci sono alcune imperfezioni di stile, pensi che sia meglio con o senza virgole? Lei non lo ha letto, non visita il mio sito ma solo fb e non l’ho pubblicato come altre mie poesie che la riguardano. C’è un mio aforisma che serve come introduzione al romanzo e che è un compendio e sintesi di queste mie asserzioni ed è questo: https://thescienceofintuition.org/2020/01/10/the-life-experiences/

      1. personalmente penso che un poema abbia bisogno di punteggiatura per dare più respiro nella lettura. Se fosse poesia breve si potrebbero eludere; ma ripeto, è il mio umile pensiero. Sulle persone nei social in cerca di amore vero, bah, avrei molte perplessità, ma io sono diffidente per natura.

      2. No, hai ragione serve la punteggiatura, anzi dovrei farne un video come altri miei testi. Ho un’offerta in corso dalla Aletti di pubblicazione di mio libro di poesie e eventualmente anche di aforismi sul tema dell’amore che include la lettura in video di un performer di alcune poesie, sto valutando se accettare o meno

    2. Ci sono altri elementi importanti di questa storia “inverosimile” quasi irreale, che sono esposti e trattati nella narrazione del romanzo che è per metà biografico e per metà filosofico e l’idea di narrare questa esperienza in un romanzo era sua non mia…lei amava moltissimo i miei scritti e mi sfidava anche a scrivere poesie e testi estremi e audaci.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s